Canone locazione concordato e tracciabilità pagamenti

Canone locazione concordato e tracciabilità pagamenti
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Fondo Affitti

I Sindacati Sunia, Sicet e Uniat Uil hanno scritto una lettera al Senatore Azzollini Antonio, Presidente della Commissione Programmazione Economica e Bilancio, ed ai Capigruppo della Commissione Programmazione Economica e Bilancio, per chiedere sia l’annullamento del taglio delle risorse da destinare al Fondo Affitti, sia di agevolare con una fiscalità di vantaggio la calmierazione delle locazioni con il contratto concordato unitamente alla tracciabilità dei pagamenti.

I Sindacati degli Inquilini in merito, tra l’altro, chiedono che la tracciabilità introdotta dal Governo con la manovra economica venga estesa anche al pagamento dei canoni di locazione in modo da contribuire alla lotta all’evasione e, quindi, a recuperare risorse per andarle a reinvestire per il contrasto all’emergenza abitativa.

Le Segreterie Generali di Sunia, Sicet e Uniat Uil ritengono infatti che oltre alla tracciabilità debba essere garantito anche un sano conflitto di interessi nell’ambito dei contratti di locazione. Questo può avvenire per i contratti a canone concordato sia con l’introduzione della tassazione separata sugli affitti, ovverosia con la cosiddetta “cedolare secca”, sia permettendo all’inquilino di detrarre fiscalmente l’affitto pagato dalla dichiarazione dei redditi.

Immagine tratta da: www.sassuolo2000.it

239

Fonte | Sunia

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Gio 24/06/2010 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento